Importanza di amminoacidi

Prof. universitario. Dott./Dott. Johannes Huber   Wikipedia-Univ-Prof-DDr-Huber
Prinz- Eugen- Strasse 16 / A-1040 Vienna, Austria

L-Glutamin

Man mano che diventiamo più grandi  diminuiscono, non solo le funzioni di produzione dei nostri ormoni, ma anche le componenti della proteina da cui il nostro corpo è composto.

Una tale componente importante è l’amminoacido glutammina che l’organismo può produrre da solo nel tessuto muscolare. Nel processo di invecchiamento perdiamo in media 3 kg del peso muscolare ogni 10 anni della vita con, corrispondentemente, delle sostanze importanti che vengono prodotte nei muscoli, tra i quali entra la glutammina.

La glutammina ha varie ambiti di azione, non è solo la componente principale di collageno ma regola anche la cosiddetta “sensibilità all’insulina”, cioè provvede all’entrata effettiva di zucchero del sangue nelle cellule.

Dall’altra parte, svolge un’azione di “sterminatore” biologico, perché cattura i nemici del nostro organismo e li rende inattivi. Per questo dalla glutammina viene prodotto glutatione. Il glutatione ridotto (GSH) ha un libero gruppo tiolico libero e può trasferire da solo degli elettroni a forme attive dell’ossigeno e così neutralizzarli, in questo caso con la creazione di un ponte disolfuro avviene un’unione di due molecole ossidate corrispondenti del glutatione in glutatione disolfuro (GSSG). Inoltre, GSH rappresenta una riserva per la produzione dell’amminoacido cisteina ed è usato per la sintesi della taurina.

La produzione del glutatione avviene prevalentemente in una cellula sana e in modo univoco ma non avviene in una cellula cancerosa per colpa dell’ambiente acido. Quale risultato della sua produzione in una cellula sana l’apoptosi desiderata della cellula cancerosa non si rallenta.

Prima di tutto, la glutammina è la fonte principale di nutrizione per le nostre cellule intestinali: le rafforza e previene l’origine dell’effetto di un intestino “perforato”, della cosiddetta sindrome leaky gut, in risultato di cui i batteri intestinali escono dall’intestino ed entrano nel corpo, il che può causare delle infiammazioni, dei dolori nell’intestino e delle reazioni allergiche.

Esistono molti tipi di ricerche nonché una meta-analisi, i quali dimostrano che nel risultato di una semplice fornitura di questo amminoacido viene diminuito il volume di lesioni della mucosa, è anche possibile la loro prevenzione.

Gli ultimi studi hanno dimostrato che la glutammina è anche di importanza per l’attività dei follicoli del pelo e grazie alla sua applicazione si può migliorare lo stato dei capelli.

Glycin

La glicina costituisce l’amminoacido più piccolo e, di conseguenza, appartiene ai componenti più precoci delle proteine. Il suo nome deriva dalla parola greca “dolce”. A causa della sua dimensione piccola può inserirsi in una proteina anche in luoghi con lo spazio ridotto, influenzando la struttura secondaria della proteina: questo è particolarmente importante per il collageno, la proteina più diffusa nell’organismo umano. Essa è presente nell’organismo nel volume superiore a 30 per cento, il che sottolinea l’importanza di questo amminoacido per muscoli e tessuto connettivo. Il collageno è formato da una cosiddetta struttura a tripla elica (Tripelhelix), la cui trasformazione nel collageno è possibile solo con un inserimento della glicina nel collageno: questo dimostra quanto questo amminoacido sia importante per il tessuto connettivo e il collageno.

La glicina è una componente importante non solo per il tessuto muscolare e connettivo ma anche per il sistema nervoso. Da una parte, svolge un’azione calmante, dall’altre quella stimolante, ha un meccanismo Ying Yang ed è molto importante per l’attività cerebrale normale.

L-Arginin

Arginina ML è un amminoacido che è importante per la produzione della proteina, la quale avviene nell’organismo umano nel modo “semi-essenziale”, cioè l’organismo umano lo produce solo parzialmente e richiede un’alimentazione supplementare esterna.

Il nome deriva dalla parola latina Argentum (argento) perché l’amminoacido è stato isolato prima come un sale di argento. È notevole che questo amminoacido dimostri la massima percentuale in massa di azoto tra tutti gli amminoacidi necessari per la produzione della proteina.

Questo spiega la sua importanza per la formazione di muscoli, tessuti e organi laddove l’azoto è necessario.

Grazie a ciò diventa un partner biochimico ideale della glutammina che è la componente principale del collageno. Entrambe le componenti rafforzano congiuntamente i nostri tessuti connettivi. 

L-Lysin

La lisina è un amminoacido essenziale che va assunto con l'alimentazione. Tuttavia, la maggior parte degli alimenti contiene solo la L-lisina legata chimicamente, come componente costitutivo delle proteine, ma non la L-lisina in forma libera.
 

La lisina in forma libera contenuta nei cereali non basta a soddisfare il fabbisogno giornaliero. Le stime del fabbisogno giornaliero per un adulto, a seconda del metodo utilizzato, sano vanno da 8 a 45 mg di lisina per chilogrammo di peso corporeo, .

Pertanto, appare ragionevole integrare questo amminoacido che costituisce un componente essenziale del collagene  del tessuto connettivo e del sistema immunitario.

Inoltre, nei tessuti la lisina è soggetta a quel processo di invecchiamento in virtù del quale la forma L viene trasformata in forma D. Ciò costituisce un ulteriore motivo per assumere la forma L originale e necessaria per i tessuti.

L-Invecchiamento e amminoacidi

L'invecchiamento dell'uomo avviene a diversi livelli e interessa quindi anche le proteine costituite da amminoacidi; può infatti succedere che il ripiegamento proteico avvenga in modo errato oppure che le proteine vengano prodotte in quantità troppo limitata oppure che, a causa della mancanza di amminoacidi o della loro modifica dovuta all'età, esse non siano più a disposizione delle cellule in modo sufficiente o corretto.   

Nel caso degli amminoacidi, che sono gli elementi costitutivi di tutte le molecole proteiche, possono avere luogo delle modifiche spontanee (vale a dire non enzimatiche) sotto forma della cosiddetta deamidazione, per effetto della quale i residui degli amminoacidi (ad esempio il residuo NH2) con l'età vanno persi; d'altro canto, durante il processo di invecchiamento cambia la conformazione spaziale degli amminoacidi, si verifica la cosiddetta "isomerizzazione" o "racemizzazione" dei nostri elementi costitutivi delle proteine che, dunque, non riescono più a costruire quelle molecole proteiche di cui è costituito il nostro corpo. Un processo che possiamo osservare allo specchio man mano che invecchiamo.

Nelle proteine molto giovani è possibile trovare solo una forma geometrica degli amminoacidi, ovvero la cosiddetta forma L. Con l'avanzare dell'età si verifica un accumulo della "forma vecchia", la cosiddetta "forma D". In modo semplice e conciso si potrebbe affermare: più l'uomo invecchia, più amminoacidi D contengono le sue proteine.

Le modifiche degli amminoacidi hanno conseguenze notevoli sulla funzionalità ma anche sull'aspetto dei nostri organi e delle nostre parti del corpo costituiti da proteine; tali modifiche giocano un ruolo essenziale nell'ambito dell'"invecchiamento molecolare" e sempre più spesso sono collegate alle malattie dell'invecchiamento.  

Il rapporto tra la quantità accumulata di residui degli amminoacidi che hanno subito tali modifiche e l'età è talmente stretto che viene utilizzato dalla medicina legale per la determinazione dell'età (determinazione dell'età di cadaveri non identificati ai fini dell'identificazione, determinazione dell'età negli adulti viventi).    

Il significato degli amminoacidi per il processo di invecchiamento è stato a lungo sottovalutato.

In questo contesto, un significato particolare riveste la glutammina, non solo perché durante l'invecchiamento è soggetta alla stessa modifica e dunque è corresponsabile dei cambiamenti che con l'avanzare dell'età interessano i nostri organi costituiti da proteine, ma anche perché può essere trasformata in glutatione che a sua volta ha il compito di smaltire gli amminoacidi del nostro corpo che si modificano con l'invecchiamento.   

L'integrazione mirata di amminoacidi, in conclusione, gioca un ruolo sempre più importante nella prevenzione dell'invecchiamento.

F. Pizzarelli, R. Maas, P. Dattolo, G. Tripepi, S. Michelassi, G. D’Arrigo, M. Mieth, S. Bandinelli, L. Ferrucci, C. Zoccali: Asymmetric dimethylarginine predicts survival in the elderly. In: Age, Band 35, Nr. 6, 2013, S. 2465−2475.

M. Bode-Böger, J. Muke, A. Surdacki, G. Brabant, R. H. Böger, J. C. Frölich: Oral L-arginine improves endothelial function in healthy
individuals older than 70 years. In: Vasc. Med. Band 8, 2003, S. 77−81.

 

Importanza di amminoacidi

Dott. med. Thomas Spühler (medicina interna)
Federazione Medica Svizzera (FMH) Zurigo, Svizzera


Introduzione

L’ormone della crescita umano svolge un ruolo centrale nel metabolismo umano. Influenza i numerosi processi metabolici tra cui la proporzione del grasso e della massa muscolare, capacità aerobica e anaerobica di portata dell’ossigeno da cellule del tessuto muscolare, lo stato di pelle e di capelli, l’aumento dell’elasticità della pelle e l’accelerazione della crescita di capelli. Inoltre, tutti i processi rigenerativi vengono svolti sostanzialmente più velocemente, ad esempio, in caso di guarigione di ferite o in presenza di lesioni degli organi. La libido è aumentata, nonché l’equilibrio emozionale è sostenuto. La descritta influenza ha una conferma scientifica fondata e un riconoscimento generale. A seconda della predisposizione genetica la produzione dell’ormone della crescita dal corpo comincia ad abbassarsi considerabilmente circa dall’età di 25-35 anni. In relazione a ciò si manifesta un grande interesse su come si possano stimolare di nuovo i processi naturali di produzione dell’ormone della crescita nel modo che questo non provochi la sua produzione nelle quantità eccessivamente alte con un effetto indesiderabile.

Descrizione della sostanza

Grazie alla composizione unica che include amminoacidi L-glutammina, glicina, L-arginina e L-lisina, XR47®PLUS riesce a stimolare la fornitura dell’ormone della crescita prodotto dall’organismo umano. Visto che tutte le sostanze sono naturali e sono presenti anche in prodotti alimentari, e comunque si acquisiscono in una tale concentrazione e proporzione, non si prevede un’insorgenza degli effetti indesiderabili o collaterali. È importante che sia assunta nel modo regolare: a digiuno e con l’astensione dal mangiare per circa una mezzora, altrimenti la sostanza funzionerà come un prodotto alimentare comune.

 


Rendiconto sull’esperienza ottenuta di uso del XR47®PLUS

Gestisco un mio proprio studio medico terapeutico di pratica generale a Zurigo, Svizzera.

Nell’ambito di mia attività ho applicato XR47®PLUS al trattamento di pazienti molto vari. La sostanza non è stata usata su pazienti all’età di meno di 25 anni e su pazienti con malattie acute, grave. Tra le varie indicazioni: stanchezza cronica e stato di esaurimento, programma di regolazione del peso,  sostegno per sportivi professionisti o sostegno di accrescimento del peso muscolare e ottimizzazione del rapporto tra la massa grassa e quella muscolare. In aggiunta il farmaco è stato usato per il trattamento della disfunzione erettile. I pazienti non hanno manifestato alcuni effetti collaterali.

Nel caso di ognuna tra le indicazioni suindicate si osserva un miglioramento marcato oppure un miglioramento dello stato generale. È stato notato un miglioramento della capacità di concentrarsi, della capacità di sostenere sforzi del sistema nervoso e della sua stabilità, nonché della qualità del sonno. Gli sportivi notano un aumento della forza muscolare e un decorso molto veloce della fase di ricupero. Si osserva anche un miglioramento dello stato in termini della disfunzione erettile. Inoltre tutti i pazienti hanno notato una regolazione del peso corporeo con un piccolo aumento della massa muscolare e una piccola riduzione della massa muscolare-grassa. Soggettivamente, a detta dei pazienti, si notava un miglioramento dello stato della cute.

Riassumendo, posso dire che in base alla mia esperienza XR47®PLUS costituisce una sostanza sicura con un’ampia gamma di applicazioni. In particolare, in casi di stanchezza cronica e affaticamento veloce, disfunzione erettile nonché in qualità di una misura di sostegno in presenza di problemi cutanei e dermatologici di natura generale.

In confronto con XR46®, XR47®PLUS è stato perfezionato e ottimizzato.

 
www.xr47plus.com

CMSimple_XH